martedì 29 gennaio 2013

17a Puntata - 28 Gennaio 2013

Nella diciassettesima puntata abbiamo intervistato alcuni ospiti esperti in musica e musicoterapia. Abbiamo avuto in studio il cantautore Roberto Pardini, una musicoterapeuta che lavora all’USL di Pisa (Maria Broccardi) e Mario Marino musicista e musicoterapeuta che ci ha fatto ascoltare degli esempi di musica che utilizza a fini terapeutici. Inoltre abbiamo intervistato lo psichiatra Gaspare Palmieri coautore del cd musicale psicantria



12 commenti:

  1. mapicerr@gmail.com5 febbraio 2013 14:26

    Il testo mi piace perchè mette in risalto il fatto che la depressione più la conosci meglio la combatti, smettendo di subirla e basta. La musica non mi piace molto,la trovo un pò 'deprimente', tanto per rimanere in tema.
    Preferisco un genere più ritmato, vivo, tipo quella che c'è all'inzio del programma. Mapi.

    RispondiElimina
  2. mapicerr@gmail.com5 febbraio 2013 18:12

    E' già 3 volte che mando il commento e non me lo prende.... Il testo della canzone mi piace molto, perchè ti fà capire che più conosci la tua malattia e meglio la puoi affrontare e superare, ma la musica la trovo un pò deprimente
    (tanto per rimanere in tema).

    RispondiElimina
  3. al ventottesimo minuto ce ne andiamo via come con Paolo Conte...ma nel chiuso rettangolo di ancestrali paure invece che in una balera...grande Roberto Pardini

    RispondiElimina
  4. al ventottesimo minuto come con Paolo Conte ma nel chiuso rettangolo di ancestrali paure invece che nello scuro di una balera...grande Roberto Pardini
    [Roberto Detotto]

    RispondiElimina
  5. Puntata emozionante! La canzone scritta da Roberto Pardini è colma di passione e sentimento e mette in luce la profonda drammaticità di una malattia troppo spesso sottovalutata. Ammiro il suo impegno e gli auguro di non fermarsi mai.

    RispondiElimina
  6. emozionante il brano depressione di roberto pardini e roberto vanni,una bella trasmissione, questo brano dovrebbe essere diffuso perchè infonde coraggio e speranza.

    RispondiElimina
  7. Ascoltando la canzone di Roberto Pardini mi è venuto in mente ciò che Armstrong diceva sulla musica: "devi amare per poter suonare". Credo che la canzone si faccia portavoce dell'amore per la vita. Un amore burrascoso. L'amore, un tempo perduto, ma ritrovato e ritrovabile. Complimenti!

    RispondiElimina
  8. Una canzone toccante, profonda, vera, che arriva al cuore e alla mente. Comunica il messaggio con sincerità, schiettezza e autenticità. Riuscendo a trasmettere pienamente il significato della parola "Depressione".
    Complimenti vivissimi a Roberto Pardini e Roberto Vanni.
    Luca e Carolina P.

    RispondiElimina
  9. Hai una bellissima voce Roberto, complimenti!

    RispondiElimina
  10. non pubblica i commenti

    RispondiElimina
  11. Grazie a tutti voi per i complimenti che ci avete inviato. Come potete vedere pubblichiamo dopo averli valutati tutti i commenti :)
    Continuate a seguirci e fateci sapere cosa ne pensate :)
    Un saluto da tutti noi.

    RispondiElimina
  12. La canzone del Pardo è sensibile e commovente. Sulle note musicali si riflette un grande problema che affligge la nostra società. Sentirne parlare in radio è stato entusiasmante e di grande conforto. La musica s'intona perfettamente con il testo lasciandoci arricchiti sotto il profilo umano.

    RispondiElimina

Scrivete i vostri commenti

Iscriviti via Email