venerdì 3 dicembre 2010

Lo spazio di Silvia 6 (3 dicembre 2010)

Due cose sono infinite: l'universo e la stupidità umana, ma riguardo l'universo ho ancora dei dubbi. E credo avesse ragione Eistein. Non c’è un limite,non c’è mai nessuna conquista durevole del buonsenso  a danno pregiudizi ne mai,nel mio piccolo,ho visto merito e giustizia vincere. Non ci sono parole standard e alla fine la ragione è degli stupidi tanto quanto di chi non ne ha: non importa se hai oggettivamente ragione,ti chiederanno di dimostrarla e farai fatica,e soprattutto non te la daranno. Tante persone parlano bene,ma una buona conoscenza della grammatica italiana,credo non possa sostituire o cambiare una persona,credo che chi parla bene non abbia sempre la fortuna di avere davanti uno stupido. L’unita di misura della stupidità non credo esista e probabilmente sarebbe inutile,e crearla sarebbe tempo dedicato,sprecato e aggiunto alla già innumerevole quantità che ce n’è in giro.
Tutti hanno delle opinoni e sono tutti straordinariamente convinti della loro validità,ma conosco gente capace di vendere i capelli della Barbie per oro in tessuto,persone che non ti guardano in faccia perché convinti di essere superiori,che non ti conoscono eppure ti giudicano,persone omologate tutte con la stessa uniforme ‘figa’. Già da adamo e Eva la maggioranza ha avuto molto importanza e,per quanto mi riguarda avrei pagato per essere nata stupida,se solo avessi saputo a cosa andavo in contro. Sono una persona estremamente insoddisfatta,ipercritica,mi rendo conto per la vita che ho avuto,merito della sofferenza,di quanti pregiudizi e di quanta cattiveria può arrivare ad avere la gente,dell’egoismo e della voglia di possedere sempre di piu a danno degli altri; sento persone lamentarsi delle cose più stupide come non avere la macchina stasera per uscire e farne una questione di vita o prendersela con qualcuno perché non ha la tua stessa idea,su una cosa veramente banale o superflua. Come ci sono persone che  ti sfidano ogni giorno cercando di metterti in difficoltà e che di fronte all’evidenza negano o,forse peggio,cambiano idea,chi usa parole senza un peso e chi acolta solo il suo orgoglio.
C’è chi ha paura di essere diverso e di dover battersi per essere ascoltato,chi teme il giudizio e chi non sa essere cinico,e c’è piu di un punto a favore di chi è nato sciocco e ride di tutte le cose,all faccia di  chi invece intuisce e capisce un problema per poi sopravvivere a quello.Chi parla senza sapere e parla senza pensare,che se ne frega e ragiona senza tener di conto i ragionamenti degli altri.
La stupidà tiene cattedra e spesso ho l'impressione che sia uno stile di vita,una corrente da seguire e delle poche certezze della vita.
Della serie: ‘’Trova l’intruso’’.

Nessun commento:

Posta un commento

Scrivete i vostri commenti

Iscriviti via Email